Babysitting: per genitori

Consigli e informazioni per genitori

Dove posso trovare una babysitter della Croce Rossa?

Rivolgetevi alla Croce Rossa del vostro cantone, che vi informerà sulle varie possibilità esistenti nella vostra regione per mettervi in contatto con un babysitter formato dalla Croce Rossa (p.es. elenchi di babysitter, sito web o indirizzi di altri prestatori). Non dimenticate di informarvi anche presso il vostro comune di residenza e di consultare gli annunci esposti nelle bacheche dei supermercati. Clicchi qui per i contatti utili nel suo Cantone.

Posso occuparmi di un bambino durante la pandemia di CORONAVIRUS?

Lavora presso una sola famiglia, o comunque con un numero ristretto di bambini per ridurre al minimo il rischio di contagio. La cosa migliore sarebbe accudire i bambini di una famiglia del quartiere, con cui hai già avuto contatti.

  • Puoi occuparti di un bambino solamente se tu, la tua e la sua famiglia godete di buona salute e non c’è un rischio conosciuto di infezione. 
  • Le attività di babysitting dovrebbero essere limitate a circa tre ore alla volta (con bambino sveglio) e hanno lo scopo di concedere ai genitori un momento di libertà. 
  • I genitori del bambino da accudire sono responsabili delle misure di sicurezza da adottare in casa. Bisogna però ricordare che durante le attività di babysitting non è sempre possibile rispettare la distanza. I genitori del bambino si occupano di fornire i dispositivi di sicurezza.
  • Un obbligo di segnalazione deve essere concordato tra la babysitter e i genitori in caso di contaminazione da Covid-19 a seguito di un intervento.

Le regole di comportamento e di igiene dell’UFSP riportate di seguito devono essere rispettate nella misura del possibile: (UFSP →link)

  • lavarsi o disinfettarsi regolarmente le mani
  • evitare i contatti (evitare le strette di mano per salutarsi)
  • nella misura del possibile, mantenere una distanza di 1,5 metri dal bambino e dal babysitter
  • se non è possibile rispettare la distanza di sicurezza indossare preferibilmente una mascherina
  • indossare una mascherina è obbligatorio in caso di sintomi di raffreddore
  • per ridurre il rischio di infezione arieggiare regolarmente i locali o lasciare le finestre aperte
  • i genitori mettono a disposizione disinfettante per le mani, carta da cucina, tovaglioli usa e getta per asciugarsi le mani e pulire le superfici
  • i genitori mettono a disposizioni guanti usa e getta (per cambiare il pannolino)
  • lavarsi le mani prima e dopo il cambio del pannolino (eventualmente indossare guanti usa e getta) e disinfettare il fasciatoio
  • rimanere all’aperto, giocare in giardino, intorno alla casa o spostarsi a piedi nelle immediate vicinanze
  • evitare di giocare con altri bambini

Anche per il babysitting esistono alcune regole di base. Quali sono?

Le babysitter custodiscono in modo occasionale bambini, principalmente a casa dei genitori di questi ultimi e in loro assenza. Intervengono senza sostituire la custodia extra familiare. Le babysitter sono impiegate e remunerate direttamente dalle famiglie dei bambini di cui si occupano. Le babysitter e le famiglie sono legate da un rapporto contrattuale.

  • Le babysitter devono avere almeno 13 anni.
  • I bambini da custodire devono avere almeno tre mesi di età.
  • Le babysitter non possono custodire bambini malati e mai più di tre bambini alla volta. 
  • Se i bambini sono svegli, in principio la custodia non dovrebbe durare più di tre ore. 
  • Ricordate che la babysitter ha il compito di accudire i bambini e non di svolgere altre mansioni.
  • Dopo le ore 22, la babysitter deve avere la possibilità di dormire sul posto.
  • Pagate la babysitter alla tariffa preventivamente concordata.
  • Lasciate dei recapiti telefonici in caso di problemi.

Quanto devo pagare la mia o il mio babysitter?

È importante che genitori e babysitter verifichino di essere in possesso di un’assicurazione di responsabilità civile e di un’assicurazione contro gli infortuni valide e che si informino sulle assicurazioni sociali.

In generale è molto difficile stabilire una tariffa unica. Le raccomandazioni tariffarie possono variare da una regione all’altra. L’importante è che genitori e babysitter stabiliscano di comune accordo una tariffa accettabile per entrambe le parti.

Il calcolo della tariffa dipende da vari fattori:

  • l’età della babysitter
  • la sua esperienza e la sua formazione
  • le responsabilità e i compiti che le sono affidati
  • il numero e l’età dei bambini da accudire
  • la custodia è diurna, serale o notturna? Quanto dura?
  • la babysitter accudisce da sola i bambini o in presenza di un adulto?

La CRS raccomanda le tariffe seguenti:

  • Da 13 a 15 anni: da CHF 8.- a CHF 10.- ogni ora
  • Da 16 a 25 anni: da CHF 11.- a CHF 18.- ogni ora

Queste tariffe sono valide per la custodia di due bambini. Per ogni bambino in più è previsto un supplemento di CHF 2.-.

Se la babysitter pernotta sul posto dovrebbe essere convenuto un importo forfettario di almeno CHF 50.-,

Nel caso di impegno regolare si può convenire un importo forfettario, ma in questo caso è importante definire gli orari dell’impegno.

Se la babysitter lavora presso una famiglia per lungo tempo è opportuno una volta all’anno ridiscutere la tariffa ed eventualmente adattarla.

Le spese di viaggio della babysitter sono a carico dei genitori del bambino.

Rivolgetevi alla Croce Rossa più vicina per conoscere le tariffe raccomandate nella vostra regione.

Cosa devo fare quando torno a casa?

Le babysitter custodiscono in modo occasionale bambini, principalmente a casa dei genitori di questi ultimi e in loro assenza. Intervengono senza sostituire la custodia extra familiare. Le babysitter sono impiegate e remunerate direttamente dalle famiglie dei bambini di cui si occupano. Le babysitter e le famiglie sono legate da un rapporto contrattuale.

In generale è molto difficile stabilire una tariffa unica. Le raccomandazioni tariffarie possono variare da una regione all’altra. L’importante è che genitori e babysitter stabiliscano di comune accordo una tariffa accettabile per entrambe le parti.

Il calcolo della tariffa dipende da vari fattori:

  • l’età della babysitter
  • la sua esperienza e la sua formazione
  • le responsabilità e i compiti che le sono affidati
  • il numero e l’età dei bambini da accudire
  • la custodia è diurna, serale o notturna? Quanto dura?
  • la babysitter accudisce da sola i bambini o in presenza di un adulto?

La CRS raccomanda le tariffe seguenti:

  • Da 13 a 15 anni: da CHF 8.- a CHF 10.- ogni ora
  • Da 16 a 25 anni: da CHF 11.- a CHF 18.- ogni ora

Queste tariffe sono valide per la custodia di due bambini. Per ogni bambino in più è previsto un supplemento di CHF 2.-.

Se la babysitter pernotta sul posto dovrebbe essere convenuto un importo forfettario di almeno CHF 50.-,

Nel caso di impegno regolare si può convenire un importo forfettario, ma in questo caso è importante definire gli orari dell’impegno.

Se la babysitter lavora presso una famiglia per lungo tempo è opportuno una volta all’anno ridiscutere la tariffa ed eventualmente adattarla.

Le spese di viaggio della babysitter sono a carico dei genitori del bambino.

Rivolgetevi alla Croce Rossa più vicina per conoscere le tariffe raccomandate nella vostra regione.

Come essere in regola con le assicurazioni?

È importante che genitori e babysitter verifichino di essere in possesso di un’assicurazione di responsabilità civile e di un’assicurazione contro gli infortuni valide e che si informino sulle assicurazioni sociali.

Assicurazione di responsabilità civile

In linea di massima è alla babysitter o ai suoi genitori che incombe la responsabilità di stipulare un’assicurazione di responsabilità civile.

Assicurazione contro gli infortuni

In linea di massima è la babysitter che deve farsi carico di stipulare un’assicurazione contro gli infortuni. Dal 1° gennaio 2015 i genitori che impiegano una babysitter per i cosiddetti «lavori per arrotondare la paghetta» non sono più tenuti a stipulare un’assicurazione contro gli infortuni. È quindi consigliabile rivolgersi a un consulente per conoscere le implicazioni esatte.

Sono valide le regole seguenti:

  • l’assicurazione contro gli infortuni non è obbligatoria per le babysitter di età compresa tra 18 e 25 anni che guadagnano al massimo CHF 750.- all’anno/a famiglia;
  • l’assicurazione contro gli infortuni è obbligatoria per le babysitter dai 25 anni in su.

Assicurazioni sociali

Dal 1° gennaio 2015 le famiglie non sono più tenute a versare i contributi sociali (AVS/AI/IPG/AD) per i cosiddetti «lavori per arrotondare la paghetta», tra cui rientra anche il babysitting, obbligo che invece sussiste per i lavori regolarmente retribuiti. 

Sono valide le regole seguenti:

  • nessun obbligo di contribuzione per le babysitter di età compresa tra 13 e 18 anni;
  • nessun obbligo di contribuzione per le babysitter di età compresa tra 18 e 25 anni che guadagnano al massimo CHF 750.- all’anno/a famiglia;
  • obbligo di contribuzione per le babysitter dai 18 anni in su che guadagnano oltre CHF 750.- all’anno/a famiglia.

E non dimenticate: lasciatevi guidare dal vostro istinto!

Cosa devo fare prima di uscire di casa?

  • Preparate i bambini e spiegate loro che verrà una babysitter ad accudirli.
  • Assicuratevi che la babysitter arrivi con sufficiente anticipo perché voi possiate congedarvi tranquillamente dai vostri figli. Non uscite di casa senza salutarli, anche se temete che si mettano a piangere.
  • La prima volta restate nei pressi dell’abitazione, in modo da poter rientrare rapidamente in caso di necessità.
  • Informate la babysitter delle abitudini dei vostri figli e mostratele dove si trovano le cose importanti (biberon, pannolini, pigiama, ecc.).
  • Parlate di come si svolgono i pasti, gli spuntini e la merenda, il riposino, ecc.
  • Mostrate dove si trova il materiale di primo soccorso.
  • Mostrate dove si trova la cassetta dell’elettricità.
  • Lasciate una chiave di casa.
  • Comunicate l’ora del vostro rientro e rispettatela.
  • Assicuratevi che la babysitter abbia ricevuto tutte le informazioni del caso e chiedetele se ha altre domande.
  • Lasciate un numero di telefono dove siete raggiungibili e lasciate anche il numero di telefono di un’altra persona che la babysitter possa contattare in caso di emergenza.

Cosa devo fare quando torno a casa?

  • Chiedete alla babysitter com’è andata con i bambini.
  • A seconda del feedback, confrontatevi con la babysitter su come gestire la situazione alla prossima occasione.
  • Retribuite la babysitter con l’importo convenuto, comprensivo delle spese di trasporto.
  • Assicuratevi che la babysitter possa rientrare a casa sua; in caso contrario, offritele la possibilità di dormire da voi.
  • Compilate il passaporto babysitting della Croce Rossa.

Io, genitore, sono malato oppure sto affrontando una situazione difficile. Chi può occuparsi di mio figlio?

In situazioni di emergenza come queste affidare i vostri figli a un babysitter non è la soluzione giusta. È meglio richiedere il servizio di custodia di bambini a domicilio offerto dalla Croce Rossa. Il servizio di custodia a domicilio può essere richiesto nelle seguenti circostanze: I genitori sono malati. I genitori stanno vivendo un momento difficile (p.es. a causa del decesso di un parente). In via eccezionale la famiglia diurna o i nonni non possono badare ai bambini. Il bambino è malato e i genitori devono andare a lavorare.